Uno stabilimento del futuro per il settore aeronautico

Il progetto Take Off di NTN-SNR ha portato all’estensione e alla modernizzazione dell’unità produttiva francese di Argonay, interamente dedicata alla produzione di cuscinetti per il settore aeronautico. L’unità produttiva, all’avanguardia, soddisfa i requisiti degli ultimi, importanti contratti firmati.

di Elena Magistretti

Annunciato l’anno scorso durante il salone dell’aeronautica del Bourget, Francia, il progetto d’investimento di 27 milioni di euro del programma NTN-SNR “Take off” ha consentito l’estensione, per un totale di 4.000 m2, e la modernizzazione dell’unità produttiva francese di Argonay, interamente dedicata alla produzione di cuscinetti per il settore aeronautico.
Questo nuovo e modernissimo stabilimento sta già producendo i primi pezzi per soddisfare gli ordini emessi nell’ambito degli importanti contratti firmati per la fornitura di cuscinetti sui motori LEAP di CFM International (joint-venture di GE e SNECMA, gruppo Safran), GTF di Pratt & Whitney e Trent 1000 e 7000 di Rolls Royce.

Uno stabilimento del futuro per i motori del presente
Con questo progetto, NTN-SNR propone uno stabilimento all’avanguardia in termini di tecnologia e produttività, per soddisfare i requisiti di qualità e i volumi degli ordini generati dai nuovi contratti firmati.
Quasi il 70% degli investimenti è dedicato a macchinari per trattamenti termici (cementazione, trattamento sotto vuoto e nitrurazione), rettifica, lavorazione complessa, una nuova tecnologia di rottura per la produzione di rulli, metrologia, automazione di determinati processi e controlli non distruttivi. Il metodo Lean è stato applicato all’ottimizzazione delle gamme, alla progettazione delle linee e all’ergonomia delle postazioni di lavoro con, ad esempio, la valutazione fisica e cognitiva delle postazioni di lavoro in fase di progettazione. Questa organizzazione, insieme alla formazione approfondita dei dipendenti, consente di ridurre di un quarto il tempo di passaggio dei pezzi in produzione per sostenere gli aumenti delle cadenze di produzione che saranno imposti dai nuovi programmi. Un altro aspetto essenziale nel soddisfare i requisiti di questi mercati è la completa tracciabilità dei pezzi prodotti, assicurata da un pilotaggio informatico MES. Infine, per garantire la migliore stabilità meccanica dei pezzi durante la produzione, la nuova costruzione soddisfa i severi vincoli termici, che non autorizzano variazioni superiori a 1°C per ora su una superficie di 3.800 m2.

Nuovi mercati, nuovi programmi per l’innovazione
Con la firma dei suoi contratti per equipaggiare i motori di cui sopra, NTN-SNR consolida il rapporto di lunga data con Airbus Helicopters, in quanto è stata scelta per sviluppare i cuscinetti di trasmissione dell’elicottero X6, prossimo sostituto del Super-Puma. NTN-SNR mira inoltre all’importante mercato di manutenzione e riparazione dei cuscinetti del motore LEAP, implementando i processi che le consentiranno di ottenere la certificazione cliente.
NTN-SNR è riconosciuta su questo mercato da 25 anni attraverso il proprio lavoro sui cuscinetti del motore CFM56.

Proseguono gli investimenti in campo aeronautico
Da sempre NTN-SNR investe nell’innovazione nel settore aeronautico. Uno dei nuovi assi di ricerca è quello della metallurgia delle polveri, una tecnologia molto promettente per ottenere acciai in grado di sostenere carichi più importanti con lo stesso ingombro, grazie a una maggiore durezza e una migliore resistenza a fatica. Investimenti recenti hanno riguardato l’acquisto di robot, macchine “best in class” per rettifica, lavorazioni complesse e trattamenti termici, allestimento di un MES (Manufacturing Execution System), metodo Lean e postazioni ergonomiche. Inoltre l’eccellenza dell’ingegneria NTN-SNR le permette di essere associata ai grandi programmi aeronautici e spaziali, come il missile europeo Ariane V e il turbo-reattore CFM56.

0 Condivisioni