La nuova versione decentrata dell’inverter ha l’opzione IO-Link

Alla famiglia di inverter i500, Lenze ha aggiunto una versione decentrata, il modello i500 protec, dotato di IO-Link per semplificare l’integrazione con sensori e attuatori e per agevolare lo scambio dei dati. L’i500 protec ha un livello di protezione IP66 che gli permette di garantire efficienza operativa anche in condizioni ambientali difficili.

di Marta Bonaria

Lenze presenta l’inverter serie i500 protec, versione decentrata, parte della famiglia di inverter i500. Con il livello di protezione IP66 e l’opzione IO-link come bus di campo, questa gamma di inverter è perfettamente equipaggiata per padroneggiare un’ampia gamma di applicazioni decentrate.
Lenze ha già rilasciato sul mercato le versioni fino a 2,2 kW ed espanderà la gamma fino a 75 kW.
IO-Link semplifica l’integrazione di sensori e attuatori distribuiti sotto un unico livello di controllo, in modo da scambiare parametri e dati di processo o legati all’asset. Per fare questo, non servono costosi cavi speciali e non è necessario configurare manualmente i nodi.
Se la rete comprende già un nodo master IO-Link, il nuovo i550 protec può essere connesso con grande semplicità, indipendentemente da quale sia l’architettura di controllo al di sopra del master IO-Link.
L’inverter riceve inoltre in automatico i parametri dal master durante l’installazione o in caso di sostituzione dell’apparato.
Lenze ha deciso di adottare lo standard IO-Link v1.1, per consentire lo scambio automatico di dati. Grazie allo standard ASi-5 per le comunicazioni decentrate, la connessione dell’interfaccia IO-Link all’inverter è molto semplice. i550 protec può essere comunque con tutti gli altri principali bus di campo.

i550 protec garantisce la efficienza operativa con temperature elevate, polvere o getti d’acqua.
i550 protec garantisce la efficienza operativa con temperature elevate, polvere o getti d’acqua.

Pensato per spazi ristretti e condizioni ambientali sfidanti

Anche al di fuori del cabinet, lo spazio disponibile a bordo macchina è spesso limitato. La versione da 0,75 kW dell’i550 protec ha un volume di 3,1 dm³, cioè meno della metà di quello degli apparati di pari potenza più diffusi sul mercato.
Il suo design, con grado di protezione IP66 o NEMA 4X Outdoor & Indoor, garantisce l’efficienza operativa in condizioni di temperatura elevata, polvere o getti d’acqua, ma è ideale anche in applicazioni dove sono necessarie operazioni di pulizia intensa.
In sintesi, l’ultimo arrivato della famiglia di inverter i500 apre nuove possibilità per le architetture di macchina decentrate, senza alcun compromesso rispetto alla facilità di utilizzo, la flessibilità, le prestazioni e la scalabilità che sono alla base del successo della gamma i500.
L’i550 protec è particolarmente adatto a macchine di grandi dimensioni, impianti modulari o applicazioni di trasporto materiali, dove l’alloggiamento in cabinet di tutti gli azionamenti è costoso e poco pratico. In questi casi, l’utilizzo di soluzioni decentrate consente considerevoli risparmi in fase di installazione; per esempio, non è necessario utilizzare costosi cavi schermati per i motori e diversi inverter possono essere collegati allo stesso bus di potenza.
Tipici esempi dell’impiego di i550 protec includono nastri trasportatori, ventilatori, pompe e unità di sollevamento.

0 Condivisioni