Elevata resistenza alla corrosione con la nichelatura chimica

Alla recente Hannover Messe Conforti Oleodinamica ha presentato le ultime novità nel campo dei cilindri oleodinamici: tra queste figura un cilindro nichelato che assicura un’elevata resistenza alla corrosione.

di Alma Castiglioni

Ad Hannover Messe Conforti Oleodinamica ha presentato l’intero portfolio di cilindri oleodinamici tra cui i cilindri ISO 6020/2, magnetici e non, dotati di controflange e disponibili anche in kit, i cilindri ISO6022 anch’essi acquistabili in kit, i cilindri compatti e gli attuatori rotanti.
La novità di quest’anno, che ha suscitato il maggiore interesse da parte dei visitatori è stato il cilindro ISO6020/2 nichelato.

Elevata resistenza alla corrosione grazie alla nichelatura
Mantenendo le caratteristiche qualitative del cilindro a tiranti Conforti, questo nuovo prodotto viene trattato con un processo di nichelatura chimica. La superficie viene ricoperta da un determinato e specifico strato di Nickel che assicura un’elevata resistenza alla corrosione (1200 ore in nebbia salina-rating10) .
Grazie a questo trattamento, il cilindro può essere utilizzato, per esempio, su macchine operatrici in settori quali il farmaceutico o l’alimentare dove rappresenta una valida alternativa al cilindro realizzato completamente in acciaio inox, più costoso e, a volte, difficilmente reperibile.
Il processo di nichelatura studiato da Conforti in collaborazione con un’azienda lombarda specializzata in questo tipo di trattamenti, prevede la totale assenza di metalli pesanti e ammoniaca e un bassissimo impatto ambientale, un obiettivo di cruciale importanza che Conforti Oleodinamica persegue da diversi anni.

Cilindri smart con sensoristica integrata
Particolare risalto è stato dato anche alle applicazioni che richiedono cilindri smart, con sensori integrati in grado di generare dati soprattutto sul posizionamento e sulle pressioni in gioco, un’esigenza molto sentita dalla clientela negli ultimi anni.
L’azienda monzese ha presentato in fiera diverse soluzioni in questo campo.
La gamma MD (ISO-6020/2) comprende cilindri oleodinamici magnetici. Grazie all’inserimento di un pistone magnetico e il fissaggio sui tiranti di specifici sensori magnetici, viene offerta all’utilizzatore la possibilità di controllare molteplici posizioni.

Trasduttori di posizione e pressione integrati
Un’altra soluzione che ha suscitato interesse è il cilindro equipaggiato con trasduttore lineare di posizione. Tramite un segnale d’uscita, il trasduttore permette all’utilizzatore di verificare la posizione del pistone in ogni millimetro della sua corsa, ottenendo ottimi risultati in termini di precisione di posizionamento. I sensori di prossimità inseriti nelle testate del cilindro, forniscono un’altra alternativa per avere riscontro sulla posizione di fine corsa.
Per verificare il valore di pressione interno al cilindro, invece, si possono applicare alle testate i trasduttori di pressione: una configurazione che non aumenta le dimensioni d’ingombro del cilindro e offre la possibilità di ottenere un dato importantissimo per il controllo del sistema idraulico.
Infine, per le applicazioni che richiedono una struttura del cilindro più robusta, in grado di resistere a urti e vibrazioni, Conforti ha proposto in fiera una gamma di pistoni particolari, studiati proprio per garantire al cliente l’utilizzo dei cilindri ISO anche in condizioni gravose.

0 Condivisioni