Ad Hannover l’industria incontra l’Intelligenza Artificiale

“Industria integrata-Intelligenza industriale”: questo è il motto di Hannover Messe 2019, in programma la prima settimana di Aprile. Il riferimento all’interconnessione digitale tra uomo e macchina è chiaro. Saranno circa 450 le aziende italiane presenti, mentre la Svezia, uno dei Paesi che crede maggiormente nel ruolo dell’innovazione, è il Paese Partner.

di Silvia Crespi

L’intelligenza artificiale sarà il filo conduttore di Hannover Messe 2019 che aprirà i battenti il 1° Aprile, in anticipo sui tempi rispetto alla collocazione “storica” di fine mese. Motto dell’edizione di quest’anno è, infatti, “Integrated Industry – Industrial Intelligence”, con riferimento esplicito all’interconnessione digitale tra uomo e macchina nell’era della IA: un’era che vede, secondo Onuora Obgukagu, Portavoce e Capo Ufficio Stampa di Deutsche Messe, l’uomo sempre e comunque al centro dei processi “a dettare le regole”. Ecco perché i temi della formazione e delle carriere occupa ancora una volta un posto importante in questa manifestazione.
All’edizione di quest’anno sono attesi 6.500 espositori da 13 nazioni, 220.000 visitatori da 80 nazioni, 2.500 giornalisti: numeri importanti per una manifestazione classica che ogni anno fa il punto sullo stato dell’arte nei campi dell’automazione, robotica, software industriale, sistemi di azionamento e fluidotecnica, tecnologie energetiche… e che vede l’Italia al secondo posto dopo la Germania in termini di espositori. Quest’anno ne sono attesi circa 450. Durante la conferenza stampa di presentazione martedì 5 febbraio, all’Hotel Park Hyatt di Milano, Onuora Obgukagu ha sottolineato anche il carattere distintivo di Hannover Messe, che è quello di mostrare lo stato dell’arte delle tecnologie presentate in termini molto concreti. Sono, infatti, oltre 100 gli esempi applicativi di machine learning. Sei sono le rassegne specializzate che compongono Hannover messe 2019: IAMD-Integrated Automation, Motion & Drives; Digital Factory; Energy; Industrial Supply; ComVac; Research & Technology. Saranno affiancate da aree speciali dedicate a startup e a tematiche di sviluppo professionale.

Intelligenza artificiale sempre più diffusa, ma l’uomo rimane al centro
L’intelligenza artificiale ha il potenziale di rivoluzionare l’industria e controllerà sempre più gli impianti di produzione integrati; ne dovrebbero risultare un miglioramento degli standard qualitativi e un’incrementata flessibilità ed economicità dei processi di produzione. La raccolta e l’analisi dei dati digitali viene utilizzata sempre più frequentemente dalle imprese per ottimizzare i propri sistemi produttivi e per trasformare, in ultima analisi, i modelli di business. Il ruolo dell’uomo è, in questo caso, quello di “abilitatore”. Solo l’uomo, infatti, è in grado di rendere possibile la raccolta e l’analisi dei dati, l’apprendimento meccanico e lo sviluppo degli algoritmi per l’intelligenza artificiale. Ecco perché l’uomo sarà ancor più al centro. Anche le tecnologie legate alle interfacce, ai protocolli e alla sicurezza sono strettamente legate a quanto sopra.

La Svezia è il Paese Partner dell’edizione 2019
La mobilità elettrica è un altro dei megatrend del giorno d’oggi e Paese Partner dell’edizione 2019 di Hannover Messe è la Svezia, un Paese in prima linea nel campo dell’innovazione in campo industriale, mobilità elettrica inclusa, una realtà dei fatti ribadita anche da Robert Rydberg, Ambasciatore di Svezia in Italia, durante la Conferenza Stampa. Il motto “Sweden Co-Lab” enfatizza la collaborazione (co) e l’innovazione (Lab) presentando l’industria svedese come un serbatoio di moderne tecnologie. Nel padiglione svedese Co-Lab i visitatori verranno guidati lungo un percorso digitale di soluzioni industriali smart allo stato dell’arte sviluppate in Svezia. In termini di popolazione, la Svezia è il Paese più piccolo che sia stato selezionato come Paese Partner per l’Hannover Messe. Tuttavia vanta un numero impressionante di multinazionali. Le imprese industriali e i fornitori di servizi contribuiscono per oltre il 70% all’export svedese, e la Germania figura tra i più importanti partner commerciali. E questa non è una coincidenza. Infatti, proprio per via di un mercato domestico ridotto, le imprese svedesi sono costrette a focalizzarsi sull’export e a competere a livello internazionale. Oggi la Svezia figura tra i maggiori poli tecnologici e ospita un altissimo numero di start-up. Nessun’altra città al mondo, Silicon Valley a parte, ne può vantare così tante (con un valore di mercato che supera il miliardo di U.S.$) come Stoccolma. E almeno quaranta tra quelle più promettenti saranno presenti all’Hannover Messe.

0 Condivisioni